Il piumone

Perchè scegliere un piumone

L'esigenza di tutti, specialmente in inverno è quello di dormire in modo caldo, senza sentirsi schiacciati dal peso di coltri e coperte, senza passare in continuazione dal troppo caldo al troppo freddo o sentirsi addosso l'umidità prodotta dalla traspirazione del corpo. Con il piumone tutti questi problemi vengono superati. Il piumone ideale è leggero, soffice e caldo (un fiocco di piumino può pesare da 2 a 3 milligrammi e per riempire un decimetro cubo servono circa 4 grammi di piumino) generando un microclima che permette al corpo di mantenere costante la temperatura. Inoltre il piumone assorbe l'umidità e riesce a cederla all'esterno garantendo quindi un ambiente di riposo asciutto che aiuta a prevenire forme reumatiche. Un ottimo piumone, a differenza di altri tipi di coperture, è molto meno attaccabile dagli acari. E' un prodotto completamente naturale che velocizza e rende piacevole anche rifare il letto

...

L'importanza dei materiali

Il piumino

È la parte più pregiata del piumaggio dei volatili (oche ed anatre) e si trova nel sottocollo (petto) e nel sottoala. È caratterizzato da un nucleo (calamo) da cui si diramano moltissimi filamenti resistenti, morbidi ed elastici che hanno la capacità di assorbire e trattenere l’aria consentendo così di mantenere costante la temperatura del corpo (coibenza).

...

La piumetta

La piumetta è formata da un rachide centrale resistente e flessibile. Su ciascun lato reca delle barbe libere con minori capacità, rispetto ai filamenti del piumino, di trattenere l’aria e perciò meno pregiata.

Differenza tra piumino e piumino

I piumini non sono tutti uguali. Il piumino, che si ricava da animali sani e adulti dei paesi freddi (che abbiano superato almeno una stagione invernale) allevati in modo naturale ed alimentati in modo ottimale, garantisce una leggerezza e un maggior volume, nonché una maggiore capacità di trattenere l’aria e di mantenere costante la temperatura corporea. Anche la “spiumatura” è basilare per la qualità del piumino: la spiumatura manuale è di gran lunga preferibile a quella meccanica perché non danneggia le fibre (filamenti e barbe). Le regioni che forniscono piumini di ottima qualità sono: la Russia siberiana, l’Ungheria, la Romania, la Polonia e la Francia pirenaica. Il piumino che si ricava da volatili giovani, che non abbiano cioè superato nessuna stagione invernale, presenta nuclei meno voluminosi e quindi con una minore capacità di trattenere l’aria (caratteristica questa basilare per stabilire la qualità del piumino). Pertanto la qualità del piumino ricavato da volatili giovani risulta nettamente inferiore a quella dell’adulto.

Cos’è il filamento?

Il filamentoè la parte che si stacca dal piumino durante le varie fasi della lavorazione. Essendo staccato dal calamo (nucleo) perde coibenza ed elasticità. Pertanto, un piumone con un’alta percentuale di filamenti liberi è destinato a perdere volume più rapidamente ed avrà una coibenza minore di uno che ne presenta una bassa percentuale. Il piumino e la piumetta sono presenti anche nel piumaggio delle anatre , ma hanno caratteristiche nettamente inferiori a quelli dell’oca in quanto hanno minore volume, minore resistenza all’usura e allo sfregamento. L’imbottitura fatta con piumino e piumette d’anatra perde quindi molto in leggerezza, in durata e nel mantenimento delle benefiche proprietà nel tempo. Tutto ciò influisce sul costo, che risulta nettamente inferiore.

Trattamento dei piumini e delle piumette

Le piumette e i piumini, una volta prelevate dai volatili (possibilmente a mano) subiscono una serie di operazioni che garantiscono il prodotto finito sia dal punto di vista igienico che qualitativo. L’ordine delle operazioni è il seguente:

  • Lavaggio: si effettua con grandi quantità di acqua usando speciali prodotti detersivi e antibatterici; l’operazione così effettuata è garanzia di igiene.
  • Centrifugazione: dopo il lavaggio e il risciacquo, le piumette e i piumini vengono sottoposti a un processo di idroestrazione che lascia alle piume una certa percentuale di umidità.
  • Asciugatura: ha lo scopo di ridurre l’umidità di piumette e piumini fino ad una soglia ideale.
  • Sterilizzazione: piumette e piumino, dopo l’asciugatura vengono sottoposti al fondamentale processo di sterilizzazione a una temperatura da 100 °C a 140° C.
  • Depolverizzazione: piumette e piumini subiscono questa operazione per essere purificati dalla polvere accumulata nelle precedenti fasi di lavorazione.
  • Selezione: è la fase in cui piumette, piumini e filamenti vengono separati. Avviene in appositi impianti e si effettua con getti d’aria, anche manualmente.